Il piano operativo del Comune di Firenze : come sarà la città del domani

Il piano operativo del Comune di Firenze : come sarà la città del domani
Pubblicato:
Aggiornato:

Il Poc (Piano operativo comunale) ricomprende quello che prima veniva definito il regolamento urbanistico e piano strutturale. Ieri è stata approvato dal Consiglio comunale a maggioranza con estrema soddisfazione da parte del Sindaco, e rappresentata il futuro urbanistico della città di Firenze, da l’ idea di come cambierà  la nostra città nei prossimi dieci anni. Al suo interno sono contenute norme che regolamenteranno l’edilizia popolare, gli affitti brevi e gli studentati, la previsione di nuovi parcheggi sotterranei, lo stadio, parchi ed aree verdi, la tranvia e la viabilità -
NORME SULLE RISTRUTTURAZIONE E EDILIZIA POPOLARE
Nel centro storico  di Firenze non potranno essere realizzati appartamenti inferiori ai 50 metri quadri, fuori dalla area UNESCO la misura potrà essere anche di 55 o 60 metri quadri.
All’eterno di una ristrutturazione di un appartamento si potranno realizzare nuovi bagni ogni 30 metri quadri , pertanto se una casa misura 60 metri quadri, si potrà  realizzare solo un altro bagno , tale norma cerca di impedire un eccessiva frammentazione degli appartamenti ,evitando che possano esserci tanti mono locali con un bagno, stile albergo.
È stata fatta però un’eccezione: se la casa è sotto i 60 mq, per esempio 58, si potrà comunque fare un nuovo bagno, fermo restando il limite minimo di 50 mq. 
Il piano operativo  ha anche previsto la realizzazione di 550 appartamenti  a canone calmierato , la riqualificazione di 319 appartamenti di edilizia popolare e la costruzione di 98 nuovi alloggi di edelizia popolare.
Infine per gli interventi  dei privati è previsto un obbligo di una quota per housing sociale, si prevedono da 350 a 470 appartamenti, con la durata del vincolo allungata da 12 a 20 anni.
AFFTTI BREVI E STUDENTATI
Per quanto riguarda il divieto di nuovi affitti  brevi turistici  nella area Unesco  c'è da dire che,  anche se la norma è stata tolta dal POC, non avendo  ancora ultimato il suo iter amministrativo,  ed inoltre sono pendenti una  serie di ricorsi al Tar che avrebbero  rischiato di inficiare tutto il Poc. Tuttavia i ll Sndaco ha ribadito che ad oggi, in attesa della pronuncia del Tar, la norma è pienamente in vigore.
Cambio in corsa anche sugli studentati. Il Poc è stato presentato con il limite di 60 giorni l’anno per affitti turistici, senza indicazioni del periodo in cui effettuarli, ma con l’obbligo per il gestore di comunicare i periodi al Comune. Poi l’auto emendamento della giunta, ha lasciato i 60 giorni, ma cambiando le regole: 30 giorni consecutivi ad agosto, gli altri 30 liberi durante il resto dell’anno. 
Negli studenti privati inoltre dovrà essere riservata una quarto di posti letto a prezzi calmierati ,circa il 20% ed inoltre affinché possano essere autorizzati ai 60 giorni di affitto turistico almeno il 30% della camera dovrà avere il prezzo calmierato. In questo modo il Comune stima di arrivare a mille posti letto a prezzi calmierati.
PARCHEGGI SOTTERRANEI E STADIO
Il piano prevede  in oltre la realizzazione di due grandi parcheggi sotterranei a servizio  dell’Oltrarno uno a Porta Romana e l’altro in piazza del Cestello.
Altre grandi realizzazioni saranno il parcheggio multipiano da 2.500 posti al Campo di Marte (con risorse da trovare) , il parcheggio scambiatore in viale Europa a servizio anche della tramvia, quello a Nord, sempre per lo scambio gomma-ferro, collegato alla tramvia Leopalda-Piagge-Campi, quello a Rovezzano legato alla tramvia che passando dallo stadio arriverà a Rovezzano.
Sono previste poi altri piccoli parcheggi nei veri quartieri : esattamente 7 nel quartiere 2 e nel quartiere 3 ,oltre a quelle collegate con la tramivia, a servizio dei residenti

PARCHI ED AREE VERDI
Il verde è una parte  determinante del nuovo POC : saranno oltre sessanta gli ettari di nuovo verde pubblico con parchi e la scommessa più ambiziosa è riqualificare tutta l’area attorno al carcere di Sollicciano. Ed inoltre sono previste diverse opere di riqualificazione di aree dismesse da trasformare in aree verdi come ad esempio nel quartiere 4 un giardino la posto di un distributore ormai in disuso. Nel Quartiere 5 le nuove aree verdi pubbliche saranno 6 di dimensioni diverse, mentre nel Quartiere 2 sarà centrale il nuovo assetto del Campo di Marte e di San Salvi e nel Quartiere 1 ci sarà un’area interna dedicata a verde urbano accanto a piazza Bonsanti, mentre saranno 4 le nuove aree verdi nel Quartiere 3.

TRAMVIA E VIABILITA
Nei prossimi 10 anni ci sarà lo sviluppo totale della rete tranviaria a Firenze : Oltre alla linea per il centro storico, che , salvo imprevisti, entrerà in funzione a settembre, ci sarà poi la linea piazza Libertà-viali-Bagno a Ripoli, quella per Le Piagge e Campi Bisenzio, quella da piazza della Libertà allo stadio e poi a Rovezzano. Il sistema tramviario fiorentino prevede infine il prolungamento della linea attuale dall’aeroporto di Peretola al centro di Sesto Fiorentino con una staffa per il polo scientifico.  Lungo il percorso verranno realizzati diversi parcheggi scambiatori al fine di arrivare ad una  conseguente riorganizzazione dei servizi su gomme del trasporto pubblico .
La filosofia è cambiare i flussi da «penetrazione verso il centro lungo le direttrici radiali e smistamento a ridosso del centro storico, ad una funzione che sia prevalentemente tangenziale ed in misura minore di penetrazione». 
Sono prevista anche due importanti infrastrutture stradali: la nuova viabilità Rosselli-Pistoiese e il tunnel tra viale XI Agosto e Careggi i cui fondi sono all’interno dell’accordo Governo-Regione sui fondi europei.

Archivio notizie
Maggio 2024
L M M G V S D
 12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
2728293031